Il Caffé Turco

 

Dal carattere spiccato e concentrato…delizioso, indispensabile, schiumoso…il Caffè Turco

Il supplemento indispensabile al pasto, la scusa per iniziare una conversazione, l’inseparabile rituale per chiedere la mano di una donna, l’entusiasmo di un momento di piacere…zuccherato, con poco zucchero o amaro. Come preferisci il tuo caffè turco?

La storia del caffè turco ha inizio quando Őzdemir Pasha, il governatore dello Yemen, ha assaggiato il suo primo caffè nello Yemen, amandone il sapore e portandolo per primo ad Istanbul.

Questo è l’inizio di come la passione del caffè turco diviene una parte integrale della società e questa passione aumenta continuamente di anno in anno. All’inizio, il caffè veniva consumato solo nei palazzi ma col tempo, l’abitudine di bere il caffè si sviluppa in tutto l’impero e il caffè diviene una delle principali bevande nelle case.

Il caffè veniva preparato con una nuova metodologia dai turchi, acqua, zucchero e polvere di caffè vengono mescolati assieme, e alcune particelle di caffè e zucchero rimangono sospese nella bevanda finale, dalla consistenza densa e sciropposa. Veniva fatto in apposite Cezve, particolari bricchi, e viene conosciuto per questo come caffè turco.

Il caffè turco diviene parte essenziale della quotidianità, soddisfacendone i palati.

In breve periodo, il sapore e la fame del caffè turco si sviluppò, prima in tutta Europa e da li in tutto il mondo, grazie ai commercianti che visitavano Istanbul e agli ambasciatori Ottomani nei paesi europei.

Il fondo del caffè ti svela la verità

Il caffè turco non è solo una deliziosa bevanda, è sempre al centro delle chiacchiere mattutine, della visita dei vicini, delle cerimonie di matrimonio, visite di cortesia, feste religiose e molte altre situazioni. Questo è il motivo per cui nella nostra cultura diciamo “una tazza di caffè si ricorda per quarant’anni”.

Il caffè turco è anche associato alla cerimonia della lettura del futuro.

La tradizione vuole che dopo aver consumato il caffè, si volta la tazzina e la si lascia raffreddare. Il sedimento del caffè si deposita sul fondo e sulle pareti della tazzina, assumendo dopo pochi minuti forme particolari, queste vengono interpretate nella pratica della caffeomanzia, pratica mantica tipicamente turca della lettura dei fondi di caffè.

Il metodo fino ad oggi più diffuso legge solo le figure formate all’interno della tazzina, queste rappresentano il futuro.

I residui scivolati sul piattino rappresentano il presente. La tradizione vuole che le figure si differiscano in positive e in negativa, le prime sono le più chiare , le seconde le più scure e dense.

Anche le persone che normalmente non credono nella divinazione del futuro vengono affascinate e attratte da questa pratica così antica.

Il profumo del caffè turco è quasi ipnotico, ha un effetto rilassante. Differente da tutti gli altri tipi di caffè, non hai bisogno di zuccherarlo dopo, perchè lo zucchero, se lo si richiede, viene messo durante la sua preparazione.

E…come si prepara quindi il Caffè Turco?

Il caffè turco viene preparato nel Cezve, un particolare bricco di ottone o di rame con un manico di media lunghezza. Viene servito in tazzine di porcellana piccole e basse. Il caffè viene macinato in maniera finissima e uniforme, creando così una polvere.

Versate nel Cezve una tazzina d’acqua e due cucchiaini di polvere di caffè per ogni tazzina di caffè desiderata. Aggiungete da uno a uno e mezzo cucchiaini di zucchero a seconda del grado di dolcezza che preferite. Scaldate sulla fiamma e non appena il caffè bolle si formerà una schiuma, quando quest’ultima sale verso il collo più stretto del Cezve togliete dal fuoco.

Con un cucchiaio mettete un po’ della schiuma che si è formata sulla superficie all’interno di ogni tazzina, fatte bollire ancora per un paio di minuti il caffè rimasto nel Cezve e poi versate nelle tazzine.

Il vostro caffè turco è pronto per essere assaporato! E non dimenticate un bicchiere d’acqua pronto da bere sia prima che dopo il caffè.

Cristina CATTANEO

Attualità, Cultura Ott 25, 2010
No Responses to “Il Caffé Turco”

Leave a Reply