IL DIARIO DI SOFIA “La Mia Vacanza a Istanbul”

Sabato 18 febbraio ’12 la mia famiglia ed io siamo partiti da Venezia con l’aereo per arrivare ad  Istanbul,  una città antica che si divide in due parti: Asiatica ed Europea, una città grandissima!

Dopo due ore circa di volo siamo finalmente arrivati all’aereo porto di Istanbul dove ci aspettava un taxi per portarci in hotel.

L’hotel si chiamava “Hotel Prince”:  era bellissimo e qui abbiamo pernottato.

Il mattino seguente nell’atrio dell’albergo ci aspettava la guida, Cem Balsun, un giovane di bell’aspetto dall’aria perbene, per andare a visitare le moschee e conoscere la loro storia .

Siamo andati a visitare la Moschea Blu e subito dopo l’ ex basilica di Santa Sofia tutti monumenti emozionanti ed interessanti illustrati sapientemente da Cem.

A pranzo siamo andati a mangiare in un ristorante tipico del posto dove la nostra guida ci aveva portato facendoci apprezzare piatti a noi poco familiari ma squisiti.

Al pomeriggio siamo stati introdotti al Palazzo Topkapi, la reggia del sultano piena di storia e di oggetti preziosi, e alla “segreteria” del Gran Visir. Subito dopo siamo tornati in albergo a riposarci e a rilassarci. Alla sera siamo andati in un locale chic dove si ballava la danza del ventre e si cantavano canzoni. Alla fine della cena siamo scesi in pista a ballare e ci siamo divertiti tanto.

Nel ristorante c’erano turisti tedeschi, iraniani, giapponesi, indiani, olandesi, americani e italiani naturalmente. Ormai era arrivato  il momento di tornare in hotel a riposare.

Il giorno dopo ci siamo recati  all’ufficio postale per spedire le cartoline che io avevo scelto per amici e parenti e per le mie maestre.

Subito dopo ci siamo imbarcati per una mini crociera sul Bosforo ed abbiamo ammirato la parte residenziale ed Asiatica di Istanbul il  tutto illustrato dalla nostra preparatissima ed efficientissima guida.

Successivamente ci siamo recati al mercato delle spezie: zafferano, cannella, pepe, noce moscata …

Dopo pranzo abbiamo percorso le vie tortuose del Gran Bazar il mercato coperto più grande del mondo dove vendevano: pashmine, spezie, gioielli, scarpe tipiche, abbigliamento in pelle e tante altre cose.

Una tappa piacevole e curiosa della giornata è stata la visita ad una fumeria di narghilè  ed anch’io , sebbene sia una bambina, ho provato questo strano “attrezzo”. Subito dopo la cena ci siamo recati in hotel e ci siamo rilassati.

L’ultimo giorno del nostro viaggio, con la metropolitana, abbiamo attraversato tutta la città e abbiamo visitato un grande centro commerciale che occupava la base del grattacielo più alto d’Europa dalla cui sommità abbiamo osservato tutta la città. Abbiamo quindi partecipato ad una simulazione di volo sulla città in 4 dimensioni. Una sorpresa inaspettata della nostra guida è stata quella della lettura dei fondi del caffè per mia mamma e mia sorella.

Il pomeriggio l’abbiamo trascorso nuovamente nel Gran Bazar.
Sono stati tre giorni indimenticabili soprattutto grazie alla nostra  simpatica e brava guida:
Sofia Mariotti

ONO VERAMENTE FELICE DI QUESTO VIAGGIO  GRAZIE ALLA NOSTRA GUIDA E ALLA MIA FAMIGLIA

Istanbul Feb 29, 2012
No Responses to “IL DIARIO DI SOFIA “La Mia Vacanza a Istanbul””

Leave a Reply