TOUR IMPERIALE


View Tour Imperiale in a larger map

Il TOUR IMPERIALE vi guiderà alla scoperta dei monumenti più famosi e importanti, quelli assolutamente imperdibili in cui è scritta l’avvincente storia di questa città. Il tour si svolge a Sultanahmet,  la penisola sospesa tra Europa ed Asia dove, nel corso di oltre due millenni, si sono avvicendati Greci, Romani, Bizantini e Ottomani. Passeggeremo per le strade dell’antica Costantinopoli, l’area storica nominata Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’UNESCO. Scopriremo anche la vita quotidiana ed altri aspetti nascosti della città che i turisti normalmente non hanno la possibilità di vedere. Trascorreremo una giornata indimenticabile e impareremo tanto sulla civiltà, le religioni e le tradizioni del passato e del presente di Istanbul.

HIGHLIGHTS

  • Ippodromo
  • Moschea Blu
  • Palazzo Topkapi (chiuso il martedì)
  • Museo di Santa Sofia (chiuso il lunedì)
  • Cisterna della Basilica
  • Gran Bazar (chiuso la domenica)

Durata: 6 h ca.
Inclusi: servizio di guida
Non inclusi: biglietti di ingresso, trasporto, pranzo

ITINERARIO

L’IPPODROMO (Atmeydani) fu fatto costruire da Costantino Il Grande contestualmente alla fondazione della sua nuova capitale Costantinopoli (330 d.C.). Per dimensioni (lunghezza 400 m, larghezza 120 m, capienza 100 mila persone) si trattava del secondo più grande circo dell’impero.
Nella spina della pista possiamo ancora ammirare alcuni splendidi monumenti: la Colonna Serpentina, in bronzo, proviene dall’oracolo di Apollo a Delfi; l’Obelisco egizio, risalente al 1450 a.C., fu trasportato da Eliopoli a Costantinopoli e posto su un piedistallo di marmo per volere dell’imperatore Teodosio I; l’Obelisco di Costantino VII Porfirogenito è così chiamato perché nel X secolo questo imperatore ne fece rivestire la preesistente (IV secolo) struttura in muratura grezza con lamine in bronzo dorato purtroppo andate perdute; la Fontana dell’Imperatore Guglielmo (1901) fu donata del re tedesco al sultano Abdul Hamit II durante una visita di Stato.


La MOSCHEA BLU (Sultanahmet Camii) è una delle moschee più famose al mondo e senza dubbio la più famosa di Istanbul. Si tratta di un capolavoro assoluto dell’architettura ottomana la cui costruzione fu ordinata dal Sultano Ahmet I (da cui il suo nome ufficiale) ed eseguita tra il 1609 e il 1617 sotto la direzione dell’architetto Sedefkar Mehmet Agha. Per numero di minareti – sei – è seconda solamente alla Ka’ba della Mecca.
Alla moschea si accede tramite un grande cortile porticato da cui è possibile ammirare l’armoniosa “cascata” di cupole e semicupole. L’interno della moschea è un tripudio di luce e colori: 260 finestre vetrate permettono alla luce di entrare abbondante; 21.043 piastrelle in ceramica di Iznik decorano le pareti, gli archi, le colonne e le cupole. È proprio dal colore turchese delle maioliche che il tempio prende il suo soprannome. Lo spazio di preghiera, ampissimo, è delimitato da quattro mastodontici pilastri a zampa di elefante. All’interno del mihrab è custodito un frammento della Ka’ba, la pietra nera venerata dai mussulmani.
Uno spettacolo da non perdere è il tramonto sullo sfondo della moschea, quando i minareti e le cupole si stagliano nel cielo infuocato di Istanbul.

Orario di apertura: dalle 9 fino al tramonto. Chiuso durante le preghiere. Non visitabile il venerdì fino alle 15:00.


La costruzione di PALAZZO TOPKAPI (Topkapı Sarayı) cominciò subito dopo la conquista di Costantinopoli da parte di Mehmet II (1453) e fu completata nel 1478. Per quasi 400 anni è stata la residenza dei sultani e il centro amministrativo dell’Impero Ottomano.
Il palazzo sorge alla punta estrema della penisola di Sultanahmet, su un promontorio che domina il Mar di Marmara, il Corno d’Oro e il Bosforo. Il nome attuale del complesso, “Topkapi”, significa Porta del Cannone ed è dovuto al fatto che in passato c’erano due grossi cannoni a protezione dell’ingresso principale al palazzo.
Dopo la proclamazione della Repubblica di Turchia, il 3 aprile 1924, il palazzo fu trasformato in museo. Con una superficie di circa 100 mila metri quadri e 20 sale espositive in cui sono conservati 300 mila documenti e 86 mila pezzi da collezione, si tratta di uno dei palazzi museo più grandi al mondo.
Il complesso è suddiviso in quattro cortili collegati tra loro da imponenti porte. Ogni cortile racchiude un insieme eterogeneo di meravigliose strutture: chioschi, moschee, giardini, terrazze, scuole, biblioteche e molto altro. In questi edifici sono in mostra collezioni di inestimabile valore: armi, gioielli, mobili, porcellane, abiti, libri ed anche alcune reliquie sacre appartenute al profeta Maometto.
L’Harem, parola che significa “riservato”, designava il settore del complesso al quale potevano accedere soltanto il sultano e le sue donne. Tutti gli ambienti dell’harem, tra cui spiccano la Camera della Valide, la Camera imperiale e la Sala di Murat III, sono arredati con sfarzo e utilizzando preziosissimi materiali (ceramica, madreperla e avorio) che creano un’atmosfera da mille e una notte. Per poter visitare l’harem è necessario acquistare un biglietto a parte presso questo ingresso.

Orario di apertura: aprile – ottobre 9-19; novembre – maggio 9-17. Chiuso il martedì


MUSEO DI SANTA SOFIALa prima costruzione della chiesa risale all’epoca di Costantino (360 d.C.). La chiesa fu ricostruita nuovamente durante il regno dell’imperatore Teodosio (415).  L’ultima costruzione é stata fatta da Giustiniano fra gli anni 532-537.
Nell’anno 1453, dopo la conquista di Costantinopoli, gli Ottomani trasformarono la chiesa in una moschea. Come tale é stata utilizzata fino al 1935, quando per decisione del parlamento della Repubblica Turca, il tempio fu sconsacrato e trasformato in un museo.
Oggi questo meraviglioso capolavoro dell’arte bizantina è visitato da circa due milioni di turisti all’anno.

Orario di apertura: novembre-maggio 9-17, giugno-ottobre 9-19.30. Chiuso il lunedì


CISTERNA DELLA BASILICA: Il nome di questo straordinario monumento sotterraneo è dovuto al fatto che in questo luogo sorgeva una grande basilica romana risalente al III – IV secolo. Per sopperire alla scarsità d’acqua della città, nel 532 l’imperatore Giustiniano fece convertire la basilica in una enorme cisterna. Per la costruzione della cisterna furono impiegati materiali di riciclo tra cui ben 336 colonne in prevalenza di ordine ionico e corinzio con qualche eccezione di colonne doriche e non decorate.
Più che una cisterna, la struttura assomiglia ad un vero e proprio palazzo, da cui il suggestivo nome turco del monumento: Yerebatan Sarayı, il “palazzo sommerso”. Scendendo alcuni gradini il visitatore è trasportato nelle viscere della terra dove la luce crepuscolare, l’aria fresca, la musica e la foresta di colonne riflesse nell’acqua creano un’atmosfera magica. Camminando sulle passerelle in legno potete lasciarvi ammaliare dalla straordinaria scenografia del luogo e scorgere nell’acqua grosse carpe che nuotano silenziose. All’estremità nord-occidentale dell’antro è possibile ammirare due colonne molto speciali che hanno come base due enormi teste di Medusa, una rovesciata ed una ruotata di 90°.

Orario di apertura: aprile – settembre 9 – 18:30; ottobre – marzo 9 – 17:30.


Il GRAN BAZAR (in turco Kapalı Çarşı) fu costruito nel 1461 per ordine del Sultano Mehmed. Fra il XVI e il XVIII secolo numerosi incendi e terremoti danneggiarono la struttura, rendendo necessarie continue ricostruzioni.
Nel 1894 un terribile terremoto ebbe come epicentro Istanbul. Un anno dopo questa catastrofe blocchi di pietra erano ancora presenti lungo le strade del Gran Bazar. Fra il 1943 e il 1954 il Kapalı Çarşı (letteralmente “mercato coperto”), ha subito diversi incendi i quali hanno distrutto molto della sua autenticità. Ciò che vediamo attualmente è profondamente influenzato dalle ristrutturazioni effettuate dopo gli ultimi incendi del XX secolo.
Esteso su una superificie di oltre trenta ettari, il Gran Bazar è uno dei più grandi e antichi bazar del mondo. Nel suo labirinto di strade e passaggi si trovano più di 3600 negozi che espongono ogni genere di prodotti: pelli, tappeti, lampade, gioielli, ceramiche, souvenir, ecc.  Anche se non si è amanti dello shopping, vale assolutamente la pena visitare il Gran Bazar per vederne il suo vivace e colorito folklore.

Orario di apertura: 8.30 – 19. Chiuso la domenica

 

I NOSTRI TOUR, TOUR DI ISTANBUL Lug 01, 2012

3 Responses to “TOUR IMPERIALE”

  1. mario says:

    il 31 ottobre sarò ad istambul con nave msc, siamo due adulti e due ragazzi e sono interessata ad avere una guida che parla italiano dalle 8.30 del mattino fino alle 15.30. quanto costa???

  2. IDA says:

    IL 3 LUGLIO 2013 SAREMO AD ISTANBUL CON LA NAVE MSC DIVINA, SIAMO 4 ADULTI E 4 RAGAZZI, SIAMO INTERESSATI AD AVERE UNA GUIDA CHE PARLA ITALIANO DALLE 8.00 ALLE 16.00 , PER EFFETTUARE IL TOUR IMPERIALE . DESIDEREREMO CONOSCERE IL COSTO E SE LO STESSO E’ COMPRENSIVO DEI BIGLIETTI DI ENTRATA.

  3. admin says:

    Salve, le abbiamo risposto via email. Cordiali saluti.

Leave a Reply